• Pilastri e confini (il volo mancato del “Patàca”). Una bizzarra storia italiana del secolo scorso

    Il toponimo è eloquente: Pilastri. Un luogo di passaggio, un confine, testimoniato dai nomi dei paesi vicini, Finale Emilia, due Gavello (molto probabilmente perché vi si chiedeva la gabella), una… Read More

  • Tradotta

    Il giorno che nacque Giulia si erano scaricati gli orologi. Era presto, ed ebbe paura di fare tardi. Così si mise a nascere. È a terra e c’è una pozza… Read More

  • Ite Missa Est

    Introduzione Il racconto « Ite Missa Est » si presenta fin dal titolo, nella sua formula di congedo, come epilogo di vicende che hanno segnato la storia familiare dell’autore. Fausto Celeghin ha… Read More

  • Africa!

    “Ehi! Africa!” Cominciano sempre così le telefonate del padrone. “Africa, allungati di là… Africa, vai su fino a…”. L’apparecchio, solo ricevente, è appeso al soffitto della cabina dell’“Iveco Turbostar” vecchio… Read More

  • I campanelli della memoria

    La zia Berta era un’arzilla vecchietta, a me prozia, che viveva in un’antica casa del ghetto ebraico di Ferrara. Da bambino andavo a trovarla, insieme a mia madre o mia… Read More

  • L’inizio

    Il trenta agosto del 1939 sette detenuti del campo di concentramento di Sachsenhausen, località a nord di Berlino, furono trasferiti nottetempo a Buchenwald, a sud della capitale. Quel viaggio, di… Read More